Traslochi Nazionali Roma il dilemma del cambio di residenza

Traslochi Nazionali Roma

Traslochi Nazionali Roma: il dilemma del cambio di residenza, con l’arrivo ad un nuovo comune, arriva il problema della documentazione!

Ecco qui che giunge FED Servizi in aiuto! Un elenco esaustivo delle cose più rilevanti da fare nel momento in cui si cambia comune.

Traslochi Nazionali Roma: il dilemma del cambio di residenza

La ditta di traslochi FED Servizi svolge traslochi nazionali, perciò per quanto riguarda lo spostamento dei mobili e dei beni personali ci pensiamo noi.

Ma spesso, soprattutto per i più giovani che non hanno dimestichezza con le faccende burocratiche, un grande problema è la documentazione da presentare per il cambio di comune.

Ecco perché vi illustriamo le cose più importanti nel momento in cui si trasloca in un altro comune.

Come cambiare la residenza in un altro comune

Per cambiare la residenza, innanzitutto bisogna compilare e consegnare la richiesta di cambio residenza all’Anagrafe del comune in cui vivrete.

La compilazione va effettuata entro 20 giorni dalla data del trasferimento.

A questo punto se l’interessato è maggiorenne, insieme alla domanda dovrà presentare il documento d’identità e il modulo di richiesta di cambio residenza.

Il modulo di richiesta si può richiedere all’Ufficio Relazioni con il Pubblico(URP), nelle sedi del comune o online.

All’interno della richiesta andranno compilati i dati identificativi dell’immobile(copia del contratto d’affitto, proprietà o locazione), le generalità degli inquilini e i rispettivi documenti.

La richiesta può essere inviata per fax, e-mail o raccomandata.

Infine i vigili urbani, verificheranno i requisiti entro 45 giorni. Dopo ciò il cambio di residenza è realizzato.

Traslochi Nazionali Roma – Documenti per i veicoli

Se possedete un veicolo, sarà necessario aggiornare il libretto di circolazione, per quanto riguarda la patente di guida invece non è necessario.

In caso in cui si posseggano uno o più veicoli, questi andranno specificati all’Anagrafe assieme ad una fotocopia della patente e del libretto.

Una volta accertata la richiesta, il comune contatterà l’Ufficio provinciale della Motorizzazione Civile(UMC), questo invierà al tuo nuovo domicilio il tagliando da incollare sulla carta di circolazione.

Inoltre sarà necessario inviare un‘autocertificazione di residenza alla propria compagnia assicurativa e aggiornare il contratto di assicurazione.

Bollette e possedimenti

Nel caso in cui la nuova abitazione non possegga gli allacciamenti necessari, dovrai stipulare dei nuovi contratti per la fornitura.

Invece se fossero presenti ma inattivi, bisognerà riattivarli o effettuare un subentro.

Altrimenti se presenti e funzionanti, si necessita della voltura, ovvero cambiare l’intestatario dei contratti.

Se detieni dei possedimenti(immobili, terreni, fabbricati) dovrai comunicare all‘Agenzia delle Entrate il cambio di residenza, lo stesso anche nel caso in cui possiedi una partita IVA.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *